CAKEPOPS

For English click here - Fuer Deutsch hier clicken

Un dolce facilissimo da preparare e che contribuisce a portare un po' di colore ed allegria in tavola.

I cakepops sono stati inventati dalla blogger Bakerella e su internet ne trovate migliaia di varianti e decorazioni, anche adatte al Natale. Quello ufficiale è qui. Ecco la versione che uso io.

1 base di torta tipo pan di spagna vegan (potete usare anche resti di panettone, pandoro, brioche etc.)

Granella di nocciole o cocco (facoltativo)

Marmellata o crema di castagne

200 gr cioccolato fondente o bianco vegan

Decorazioni a piacere (zuccherini colorati, granella di noci o mandorle, cocco etc.)

Stecchini da cakepops

1 pezzo di polistirolo o di oasis da fioraio

Sbriciolare la torta con le mani in una grossa ciotola. Se desiderate dare più sapore alle vostre cakepops aggiungete della granella di nocciole. Mescolare le briciole con qualche cucchiaio di marmellata o crema di castagne (regolatevi con le dosi aggiungendo un cucchiaio alla volta e mescolando finché non noterete che la pasta rimane ben attaccata). Fate delle palline arrotolandole tra le mani come fossero polpette (le palline devo essere più o meno della grandezza di una noce, tenete presente che poi le ricoprirete di cioccolato e con le decorazioni diventerebbero troppo grosse e pesanti). Riponete le palline in freezer per almeno 30 minuti.

Fondete il cioccolato a bagnomaria usando un contenitore stretto e profondo. Togliete dal freezer poche palline alla volta. Immergete la punta dello stecchino nel cioccolato fuso e infilatelo al centro della pallina. Per un risultato ottimale, rimettete in freezer per altri 30 minuti. Immergete quindi i cakepops uno ad uno nel cioccolato, fate scolare l’eccesso di copertura, e poi decorateli a piacere. Infilateli nel polistirolo e aspettate 15 minuti prima di servirli.

Buy my e-book

ebook cover.jpeg
Search By Tags
Follow Us
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square

© 2013 by Lucia Vimercati. Powered by Wix.com                                   Photo Credits: Lucia Vimercati, Yoga Sauvage, Alberto Caspani